Da quest’anno ci saranno importanti novità che riguardano i contratti di fornitura di energia elettrica, gas naturale e servizio idrico.

Non sarà più possibile richiedere agli utenti domestici a alle microimprese (aziende con meno di 10 dipendenti oppure con un bilancio annuo sotto ai 2 milioni di euro) di pagare conguagli relativi a consumi già fatturati da più di 2 anni, anticipando la prescrizione che sarebbe altrimenti prevista dopo 5 anni.

Si eviterà in questo modo che vengano ricevute “maxi bollette” inerenti a conguagli di consumi stimati dopo diversi anni.

Le nuove disposizioni si applicheranno alle fatture di Energia Elettrica che avranno scadenza successiva all’1 marzo 2018 mentre per il settore di gas naturale bisognerà attendere gennaio 2019 e gennaio 2020 per il settore idrico.

Un altro diritto che interessa l’utente finale è la possibilità di ottenere il rimborso di pagamenti effettuati, per i quali sia stato verificato che non siano dovuti, entro 3 mesi costringendo gli operatori a restringere le tempistiche.

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Scritto da admin