Il nuovo documento dell’AEEGSI impone agli utenti BT, MT e AT requisiti più stringenti per quanto riguarda il prelievo di energia reattiva dalla rete. La Delibera si inserisce nel contesto di efficientamento energetico descritto dal Decreto Legislativo 4 luglio 2014, n. 102, il quale stabilisce un quadro di misure per la promozione e il miglioramento dell’efficienza energetica che concorrono al conseguimento dell’obiettivo nazionale di risparmio energetico.

La novità più importante riguarda l’abbassamento della soglia oltre la quale scatta la penale per mancanza di rifasamento dell’impianto elettrico: la penale verrà infatti applicata quando la percentuale di energia reattiva rispetto all’attiva supera il 33% e non più il 50% come previsto finora (vedere tabelle allegate).

Detto in altre parole: fino ad oggi il COSFI MEDIO del mese doveva essere pari a 0,900 (0,894 per la precisione) o superiore; dal 2016 il COSFI MEDIO del mese dovrà essere pari o superiore a 0,950. Se tale soglia NON verrà rispettata ci sarà l’addebito della relativa penale.

I valori unitari che determineranno l’importo delle penali saranno determinati anno per anno dall’AEEGSI: al momento non sono ancora noti quelli per il 2016.

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Scritto da admin